IT Blog

Marketing

Alcuni consigli per migliorare le posizione del tuo sito web

Migliorare la posizione nella classifica di ricerca del vostro sito web può essere un compito impegnativo. Sapere quali strategie mettere in atto e come implementarle può essere travolgente, anche per i proprietari di siti web esperti.

Seguendo alcuni semplici consigli, potete assicurarvi che il vostro sito web segua le migliori pratiche che possono migliorare la sua visibilità e attirare più visitatori.

In questo articolo parleremo del motivo per cui le classifiche di ricerca sono importanti. Poi parleremo di alcuni suggerimenti su come aiutare il tuo sito ad apparire più in alto nei risultati di ricerca.

Perché le classifiche di ricerca del tuo sito web sono importanti

In poche parole, le vostre classifiche di ricerca determinano la pagina e la posizione in cui il vostro sito web appare nei risultati di ricerca:

Un esempio di risultati di ricerca di Google:

Per organizzare i milioni di siti web che ci sono in giro, Google considera oltre 200 segnali di ranking. La buona notizia è che molti di questi segnali di ranking sono almeno in parte sotto il vostro controllo.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è il processo che consente al vostro sito web di ottenere un ranking più alto nei risultati di ricerca. Questo è spesso realizzato aumentando l’autorità del sito e migliorando la User Experience (UX). Anche se richiede un po’ di tempo e di risorse, un posizionamento più alto può conferire molti vantaggi.

I siti web che si classificano in alto, specialmente quelli che appaiono sulla prima pagina per le ricerche pertinenti, ricevono molta più attenzione. Infatti, circa il 75% dei click avviene sulla prima pagina di una determinata ricerca. Se volete che il vostro sito sia altamente visibile, dovrete impegnarvi in tecniche SEO collaudate.

Ci sono molte cose che puoi fare per migliorare la classifica del tuo sito. Tuttavia, alcune strategie sono più affidabili di altre. Ecco alcuni modi per mettere il vostro sito web di fronte a un numero maggiore di potenziali visitatori:

Verificare la presenza di eventuali sanzioni di Google

In primo luogo, è importante capire che Google può imporre sanzioni che abbassano il vostro ranking nel suo indice di ricerca. Ce ne sono di vari tipi, spesso ordinati in due categorie principali: le penalità “algoritmiche” e quelle “manuali”. Una sanzione di revisione manuale viene applicata da un revisore di Google per non aver seguito le linee guida di qualità dei webmaster di Google.

I due tipi di penalità algoritmiche derivano dagli aggiornamenti di Google Panda e Google Penguin. Google Panda penalizza i siti con contenuti sottili e premia i contenuti unici e convincenti. Per quanto riguarda Google Penguin, prende di mira lo spam e le pratiche manipolatorie di link-building.

Inoltre, ci sono molte altre ragioni per cui il vostro sito web può essere penalizzato da Google. Nella maggior parte dei casi, si tratta di violare le linee guida di qualità di Google e di interrompere l’UX del vostro sito. Una sanzione può derivare da:

  • Distribuzione di spyware, adware o virus
  • Avere link o testi nascosti nelle vostre pagine
  • Ripetere innaturalmente le stesse frasi o parole nel testo (“keyword stuffing”)
  • Visualizzazione di una versione diversa di una pagina web per i bot dei motori di ricerca e i visitatori umani (“cloaking”)
  • Usare reindirizzamenti ingannevoli
  • Avere pagine che contengono parole chiave irrilevanti
  • Visualizzazione di grandi quantità di contenuti duplicati
  • Costruire backlink di scarsa qualità

Se sospettate che il vostro sito sia stato penalizzato manualmente da Google per qualsiasi motivo, ci sono alcune cose che potete fare per recuperare le vostre classifiche. Il primo passo è quello di accedere a Google Search Console.

Dopo aver effettuato il login, scorrere fino a Sicurezza e Azioni manuali. Fare clic sul menu a discesa e selezionare Azioni manuali. Nella pagina successiva, vedrete se sono state applicate sanzioni manuali al vostro sito web. Se ci sono delle penalità, potete inviare una richiesta di riconsiderazione sulla stessa pagina, dopo aver risolto i problemi identificati.

Se credete di subire delle penalità algoritmiche, la cosa migliore da fare per il recupero è aderire alle Linee guida per i webmaster di Google. Puoi anche seguire gli aggiornamenti di Google, e fare in modo di mantenere il tuo sito web e l’hosting sicuro.

Identificare e rimuovere i backlink di scarsa qualità

I backlink di scarsa qualità sono collegamenti al vostro sito web da domini indesiderati, che possono danneggiare la classifica del vostro sito. I link di scarsa qualità possono includere:

  • Link da domini penalizzati, elenchi di link e link farm
  • Link da “quartieri malfamati”, come i siti di gioco d’azzardo
  • Collegamenti eccessivi da siti in lingua straniera o siti web non correlati
  • Collegamenti di testo di ancoraggio eccessivamente esatti

Se ci sono molti link indesiderati che portano al tuo sito, è importante agire. Per prima cosa, dovete scoprire da dove provengono. Potete farlo nella Google Search Console, nella sezione Link.

Lì, vedrete un riepilogo dei link esterni del vostro sito web, dei link interni e dei siti top link. Selezionate Export External Links , che aprirà un menu a tendina che elenca alcune scelte. Per vedere un esempio dei siti che si collegano al vostro, cliccate su Altri link di esempio.

Potete quindi esportare una lista dei vostri link esterni come foglio di Google, file CSV o foglio di calcolo Excel. Una volta scaricato, potete passare attraverso ogni sito web uno per uno, oppure cercare i domini sospetti per nome.

Infine, per rimuovere questi backlink di scarsa qualità è possibile utilizzare lo strumento di disconoscimento gratuito di Google. Dovrete semplicemente caricare un documento di testo contenente i link e i domini dei siti ai quali non volete più essere associati.

Migliorate le prestazioni del vostro sito

La “velocità della pagina” è il tempo necessario a un browser per visualizzare tutti i contenuti di una pagina web. È anche un segnale di posizionamento utilizzato da Google e da altri motori di ricerca, per cui i siti a caricamento rapido appaiono generalmente più alti nei risultati di ricerca.

Per migliorare le prestazioni del vostro sito web, un buon inizio è quello di confrontarlo con lo strumento PageSpeed Insights di Google. Questo vi dirà quanto tempo impiega attualmente il vostro sito a caricarsi e vi indicherà alcune opportunità di miglioramento.

Per utilizzare lo strumento, inserisci il dominio del tuo sito e poi seleziona Analizza. Dopo che lo strumento ha effettuato il benchmarking del tuo sito web, riceverai un punteggio compreso tra 0 e 100. Più alto è il tuo punteggio, più veloce sarà il tuo sito web:

Oltre a implementare i miglioramenti delineati nello strumento PageSpeed, puoi anche migliorare il tempo di caricamento del tuo sito scegliendo un provider di hosting ad alte prestazioni. 

Ottimizza il tuo sito per i dispositivi mobili

Ultimo ma certamente non meno importante, è fondamentale garantire che il tuo sito sia ottimizzato per gli schermi mobili. Quasi la metà di tutte le ricerche viene effettuata da dispositivi mobili.

I siti ottimizzati per i dispositivi mobili tendono a trattenere i visitatori più a lungo e hanno “frequenze di rimbalzo” inferiori. Entrambi sono segnali importanti per Google quando determina le classifiche di ricerca.

Per vedere se il tuo sito web è ottimizzato per i dispositivi mobili, puoi utilizzare lo strumento di test ottimizzato per i dispositivi mobili di Google.

Se i risultati del tuo sito sono scadenti, ti consigliamo di impegnarti per rendere il tuo sito web reattivo su tutti i dispositivi.

Conclusione

Migliorare le classifiche di ricerca del tuo sito web può sembrare un compito travolgente. Fortunatamente, ci sono alcune cose che puoi fare oggi per assicurarti che il tuo sito sia sulla strada giusta per ottenere un punteggio elevato nei risultati di ricerca .

In questo post, abbiamo coperto quattro modi per aumentare le classifiche di ricerca del tuo sito web:

  1. Controlla le sanzioni di Google che potrebbero danneggiare la tua classifica.
  2. Identifica e rimuovi i backlink di scarsa qualità al tuo sito web.
  3. Migliora le prestazioni del tuo sito.
  4. Ottimizza il tuo sito web per i dispositivi mobili.